Le vasche biologiche Imhoff sono costituite da due scomparti sovrapposti e idraulicamente comunicanti.
Nel comparto superiore i solidi sedimentabili raggiungono per gravità il fondo del sedimentatore dotato di una opportuna inclinazione per consentire il passaggio dei fanghi nel comparto inferiore dove avviene la digestione.
L’impianto di depurazione che sfrutta le vasche biologiche Imhoff può contare sull’azione combinata di un trattamento meccanico di sedimentazione e di un trattamento biologico di digestione anaerobica fredda.
Le vasche biologiche Imhoff sono costituite da un contenitore e un sedimentatore in monoblocco di poletilene con tronchetto di entrata e uscita in PVC.
Le acque di rifiuto grezze vengono sottoposte a pretrattamenti di natura meccanica per l’ eliminazione di materiale che, per le sue dimensioni e le sue caratteristiche, determinerebbe difficoltà nel corretto espletamento delle successive fasi di depurazione. In uno scarico civile di 60/70% dei solidi sospesi risultano sedimentabili, dunque possono essere rimossi attraverso trattamenti primari di decantazione.
Questo tipo di trattamenti consente anche una contestuale rimozione del 25-30% del contenuto organico inteso come BOD%.

DIMENSIONAMENTO VASCHE BIOLOGICHE IMHOFF

Il dimensionamento delle vasche bioligiche Imhoff di questo tipo viene pensato per soddisfare diverse esigenze di depurazione: per accedere alla pubblica fognatura i limiti della Tabella 3 del D.Lgs. 152/99 vengono solitamente rispettati mediante un trattamento di equalizzazione e decantazione. In questi casi è adeguato un tempo di ritenzione nel comparto di sedimentazione di 2-3-ore sulla portata media. Per i nuclei abitativi isolati è possibile lo scarico sul suolo secondo i criteri di dimensionamento stabiliti dalla delibera del Comitato Interministeriale del febbraio 1977. In particolare per le fosse Imhoff sono richiesti tempi di sedimentazione di 4-6 ore calcolati sulla portata di punta, con volumi medi di 40-50l/ab e capacità minima di 250l. Per il comparto di digestione vengono fissati volumi 100-120 l pro capite in caso di due estrazioni di fango l’ anno e 180-200 l in caso di una estrazione.

USO E MANUTENZIONE VASCHE BIOLOGICHE IMHOFF

Un eccessivo accumulo di materiale sedimentabile nei comparti dei fanghi può provocare fenomeni di digestione anaerobica incontrollata che, causano eccessive produzioni di biogas e sviluppo di cattivi odori; inoltre la riduzione del volume di disponibe nel comparto di digestione e l’ eccessiva produzione di bolle di gas concorrono alla risalita del materiale decantato con il peggioramento della qualità dell’ effluente trattato.
Si consiglia l’ utilizzo del BIO-ATTIVATORE di questo tipo al fine di rendere più rapido l’ innesco dei processi biologici, per limitare le operazioni di spurgo e ridurre il rischio dello sviluppo di cattivi odori.
Le vasche Imhoff di questo tipo sono pensate per garantire l’ accumulo dei fanghi primari per un periodo di 6-8 mesi di esercizio dell’ impianto. Se si sceglie di dimensionamento per aree Sensibili la frequenza degli spurghi si riduce ad uno ogni 12-24 mesi. In redazione ai carichi alimentari nella fossa sono da prevedersi almeno 1-2 ispezioni l’ anno da parte di personale specializzato ed eventuali operazioni di spurgo. Con la rimozione del corpo di fondo occorre effettuare anche la pulizia delle superficii interne della vasca ed eliminare il materiale che ostruisce i tronchetti di ingresso ed uscita del refluo e la bocca di uscita del sedimentatore.

VOCI DI CAPITOLATO

Fornitura di n. … fosse Imhoff, manufatto in polietilene a media densità monoblocco rotostampato, verticale per… A.E o per portate di refluo di…l/s.
Dimensioni: diametro… mm; altezza…mm; volume utile… l, volume del sedimentatore…l, volume del digestore…l.
Dotato di tronchetto di entrata con curva a 90° in PVC, diametro…mm e deflettore a T per lo scarico del refluo trattato, diametro…mm. Tubazioni complete di guarnizioni in gomma N.B.R. a tenuta stagna. Nella parte superiore sono collocati due chiusini filettati in PVC per l’ ispezione e le pratiche di spurgo e pulizia.
N.B.: le dimensioni e le caratteristiche degli articoli a catalogo,sono indicative.
L’ azienda si riserva la facoltà di apportare modifiche e/o migliorie agli impianti in qualsiasi momento, senza alcun obbligo di preavviso.